Condividi su:

professioni-sanitarie-più-richieste

Se si parla di come scegliere la facoltà universitaria, uno degli aspetti da considerare è rappresentato proprio dalle possibilità lavorative offerte dai diversi corsi di laurea. Se per il vostro futuro vi state orientando verso una delle tante professioni sanitarie, come fisioterapista e infermiere, vorrete sapere quali sono le professioni sanitarie più richieste. Vediamo assieme le ultime statistiche aggiornate.

Il numero di candidati

Un indicatore per capire quali sono le professioni sanitarie più richieste, che spesso coincidono con quelle che garantiscono le migliori opportunità di lavoro, è rappresentato dal numero di candidati che ogni anno provano a superare il test di accesso di uno dei corsi di laurea che rientrano nell’ambito delle professioni sanitarie.

Le più ambite

Con riferimento all’anno accademico 2017/18, sono stati 85.095 i candidati che si sono iscritti al test di Professioni Sanitarie in Italia. In particolare, i corsi di laurea che hanno registrato il maggior numero di candidati sono:

  • Fisioterapia, con 28.505 domande a fronte di 2.020 posti a disposizione (l’anno prima erano 29.320  per 2.169 posti)
  • Infermieristica, con 23.476 domande a fronte di 14.450 posti disponibili (l’anno prima erano 24.342 per 14.958 posti)
  • Logopedia, con 7.242 domande a fronte di 720 posti disponibili (l’anno prima erano 6.871 per 744 posti)

Altre professioni sanitarie molto ambite sono poi l’ostetrica (6.174 domande per 690 posti), il tecnico di radiologia (4.305 domande per 800 posti), il dietista (3.045 domande per 355 posti disponibili), l’igienista dentale (2.102 domande per 641 posti disponibili) e il tecnico di laboratorio (1.999 domande per 800 posti disponibili).

L’elenco completo

  1. Fisioterapista: 28.505 iscritti per 2.020 posti
  2. Infermiere: 23.476 iscritti per 14.450 posti
  3. Logopedista: 7.242 iscritti per 720 posti
  4. Ostetricia: 6.174 iscritti per 690 posti
  5. Tecnico di radiologia medica: 4.305 iscritti per 800 posti
  6. Dietista: 3.045 iscritti per 355 posti
  7. Igienista dentale: 2.102 iscritti per 641 posti
  8. Tecnico di laboratorio: 1.999 iscritti per 800 posti
  9. Terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva: 1.523 iscritti per 320 posti
  10. Educatore professionale: 1.199 iscritti per 664 posti
  11. Tecnico della riabilitazione psichiatrica: 1.018 iscritti per 315 posti
  12. Tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro: 881 iscritti per 600 posti
  13. Infermiere pediatrico: 757 iscritti per 198 posti
  14. Ortottista: 498 iscritti per 217 posti
  15. Podologo: 269 iscritti per 105 posti
  16. Terapista occupazionale: 268 iscritti per 203 posti
  17. Tecnico audioprotesista: 437 iscritti per 319 posti
  18. Tecnico di fisiopatologia cardiocircolatoria: 387 iscritti per 150 posti
  19. Tecnico di neuroisiopatologia: 360 iscritti per 110 posti
  20. Tecnico ortopedico: 239 iscritti per 140 posti
  21. Assistente sanitario: 185 iscritti per 302 posti
  22. Tecnico audiometrista: 58 iscritti per 60 posti

Gli iscritti vanno intesi come candidati che hanno indicato questo corso di laurea come prima scelta (sapete come funzionano le graduatorie di professioni sanitarie?).

Le possibilità lavorative

Per quanto riguarda invece le possibilità lavorative, stando ai dati del rapporto di Unioncamere Il lavoro dopo gli studi, la professione sanitaria maggiormente richiesta dal mondo del lavoro è quella dell’infermiere.

Il test di accesso

Sono dunque queste due, infermiere e fisioterapista, le professioni sanitarie più richieste dal mondo del lavoro. Al di là di quale sarà la vostra scelta, una delle prime cose da considerare è che vi troverete comunque di fronte a una facoltà a numero chiuso, quindi con un test di accesso da superare che per il 2018 è previsto per il 12 settembre. Per prepararvi al meglio alla prova potete:

 

 

Fonte immagine: Pixabay.com/it

Condividi su: