Condividi su:

quali sono le professioni sanitarie

Per scegliere bene la propria facoltà universitaria bisogna anche considerare i possibili sbocchi lavorativi di un corso di studi. Per il vostro futuro state pensando alle professioni sanitarie: ma sapete quali sono?

Come si può intuire dal nome, si tratta di professioni che afferiscono tutte all’ambito sanitario, ma, all’interno di questa definizione, rientrano professioni tra loro anche molto diverse:

  • fisioterapista;
  • logopedista;
  • dietista;
  • ostetrica;
  • tecnico sanitario di radiologia medica;
  • terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva;
  • igienista dentale;
  • tecnico sanitario di neuro fisiopatologia;
  • infermiere pediatrico;
  • tecnico della riabilitazione psichiatrica;
  • podologo;
  • tecnico sanitario di laboratorio;
  • tecnico di fisiopatologia cardiocircolatoria;
  • ortottista;
  • infermiere;
  • tecnico della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro;
  • tecnico audioprotesista;
  • tecnico ortopedico;
  • educatore professionale;
  • tecnico audiometrista;
  • terapista occupazionale;
  • assistente sanitario.

Si tratta di professioni molto diverse tra loro. Per esercitare una di queste professioni sanitarie bisogna prima di tutto conseguire la relativa laurea. Qualunque sia la vostra scelta, vi troverete sempre di fronte a una facoltà a numero chiuso. Quindi per potervi iscrivere e studiare dovrete superare il test di accesso alle professioni sanitarie che si terrà il 13 settembre 2016.

Le professioni sanitarie più “gettonate”, che ogni anno vedono la partecipazione del maggior numero di candidati al test di ammissione, sono l’infermiere (24.784 candidati per 15.144 posti in tutta Italia) e il fisioterapista (28.740 candidati per 2.169 posti). Molto distanziati seguono poi il logopedista (6.819 candidati per 688 posti), l’ostetrica (6.084 candidati per 839 posti) e il tecnico sanitario di radiologia medica (4.686 candidati a fronte di 819 posti). I dati appena riportati fanno riferimento all’anno accademico 2015/2016.

Per scegliere quale strada intraprendere può risultare utile prendere in considerazione il grado di selettività delle varie prove di ingresso. Ad esempio, a Fisioterapia, per ogni posto disponibile, nel 2015 si sono presentati all’esame quasi 14 candidati, mentre, per contro, questo rapporto a Infermieristica è stato, nel 2015 di 1,6 candidati per ogni posto.

Ora che sapete quali sono le varie professioni sanitarie potete scegliere il percorso professionale più adatto alle vostra capacità e alle vostre attitudini. Prima di intraprendere la professione c’è però un test di accesso da superare. Per preparavi al meglio, potete:

 

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/lahti-uas

Condividi su: