Condividi su:

commercialista-cosa-fa

 

Per scegliere la giusta facoltà universitaria bisogna anche valutare con attenzione la professione che si desidera esercitare: quella del commercialista è uno dei possibili sbocchi di una laurea in Economia, nonché tra le professioni più ambite da chi consegue questa laurea. È quindi bene che coloro che hanno scelto la strada degli studi di Economia sappiano cosa fa il commercialista.

Per capire cosa fa, bisogna sapere quali sono le competenze del commercialista. Si tratta di un professionista esperto di materie finanziarie, economiche, commerciali, di ragioneria e tributarie. I principali ambiti sono consulenza fiscale, revisione contabile, fiscalità internazionale, gestione delle esecuzioni mobiliari e immobiliari, diritto societario, diritto tributario, consulenza tecnica nei tribunali.

Più nello specifico, le attività oggetto della professione di commercialista sono queste:

  • amministrazione e liquidazione di aziende, patrimoni, singoli beni;
  • perizie;
  • consulenze tecniche;
  • ispezioni e revisioni amministrative;
  • verifiche per quanto riguarda l’attendibilità di bilanci, conti, scritture e di ogni altro documento contabile tanto di imprese quanto di enti pubblici e/o privati;
  • regolamenti e liquidazioni di avarie;
  • funzione di revisore contabile in società commerciali, enti non commerciali ed enti pubblici.

Il commercialista può svolgere queste attività, come già detto, sia nel settore pubblico quanto nel settore privato, o ancora come libero professionista. L’autorità giudiziaria e le pubbliche amministrazioni debbono, per esempio, affidare gli incarichi relativi alle attività sopra indicate a dei professionisti regolarmente iscritti all’Albo dei dottori commercialisti (salvo casi in cui la legge assegni questi incarichi ad altri tipi di professionisti).

L’iscrizione all’Albo dei commercialisti è necessaria per poter esercitare tale professione ed è vincolata alla presenza di questi requisiti:

  • laurea triennale o magistrale in Economia;
  • praticantato di almeno diciotto mesi presso un soggetto già abilitato all’esercizio della professione (praticantato che può cominciare solo dopo aver conseguito la laurea triennale);
  • superamento dell’esame di stato.

Ecco quindi spiegato cosa fa il commercialista. Per diventarlo, il primo passo è conseguire la laurea triennale in economia. Corso che in molte università è a numero chiuso: per prepararsi al meglio alla prova si può studiare su libri per il test di Economia.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/76657755@N04

Condividi su: