Condividi su:

professioni-sanitarie-dove-è-più-facile-entrare

Le professioni sanitarie sono sempre molto ambite, e questa è anche la strada che avete scelto per il vostro futuro lavorativo. Ora volete sapere dove è più facile entrare nei corsi delle professioni sanitarie. Dovendo sostenere il test di accesso, infatti, conviene sapere in anticipo dove si trovano le maggiori possibilità di superarlo. Attenzione però: la risposta non è così lineare come forse vi potreste aspettare. Ma procediamo con ordine.

Quali sono le professioni sanitarie?

Come saprete già, il panorama delle professioni sanitarie è molto ampio: si passa dal fisioterapista all’infermiere, dal logopedista all’ostetrica. Prima di iscrivervi, fatevi una panoramica su quali sono le professioni sanitarie. Inoltre, tenete presente che le università non hanno sempre tutti i corsi di laurea nella propria offerta didattica. Consultando i posti disponibili per le Professioni sanitarie in ciascuna università, potrete vedere quali corsi sono attivi negli atenei che vi interessano.

Quale professione sanitaria scegliere?

Come avrete visto, le professioni sanitarie sono davvero tante. Il prossimo problema da risolvere ora è un altro: quale professione sanitaria scegliere? Gli aspetti da tenere in considerazione sono diversi: le vostre attitudini, le materie che studierete una volta iscritti, l’iter per esercitare la professione scelta, le possibilità lavorative offerte. In questo senso, vi suggeriamo di consultare la Classifica delle Migliori Università condotta da Censis Servizi, per scoprire quali sono i corsi di laurea con i punteggi più alti negli atenei che state tenendo sott’occhio.

Quali sono le più richieste?

Anche questo è un aspetto da tenere sempre in considerazione. Ogni anno, le professioni sanitarie più richieste sono Fisioterapia, Infermieristica, Ostetricia, Logopedia. Inutile dire che spesso la concorrenza per questi corsi è molto alta. È quindi importante farsi un’idea di quanti sono gli studenti interessati a concorrere per ciascun corso di laurea. Potete farlo leggendo le statistiche relative al numero dei candidati per i posti disponibili nei corsi delle professioni sanitarie più richieste.

Dove è più facile entrare?

La prima indicazione, quella più facile e scontata, è che è più facile entrare dove ci sono meno candidati per i posti a disposizione di anno in anno, seguendo i dati disponibili nel link presente nel paragrafo qui di sopra. A questo punto, identificato un gruppo di atenei interessanti, avete sostanzialmente due vie che potete valutare:

  1. ragionare per città. Nelle città più grandi (come Roma, Milano, Torino) ci sono più posti ma anche più candidati. Però, superando il test in un’università più piccola, magari anche distante da casa, dovete essere convinti di voler studiare in questa sede: se infatti non vi piace, potete solo rifiutare il posto e rifare il test di professioni sanitarie il prossimo anno.
  2. ragionare per corso di laurea. Corsi come “Assistente sanitario”, “Terapista occupazionale” o “Tecnico audiometrista” sono storicamente meno ambiti. Ci sono inoltre corsi di laurea dai nomi più complicati e di cui è sembra difficile capire quali potrebbero essere gli sbocchi occupazionali. Raccogliete informazioni tramite il Centro di Orientamento della vostra università, potreste scoprire nuove e interessanti opportunità.

Un test di accesso da superare

Al di là di dove può essere più facile entrare, i corsi delle professioni sanitarie sono sempre a numero chiuso. In ogni sede universitaria italiana è infatti previsto un test di ammissione. Come prepararsi alla prova? Il consiglio è di studiare su libri specifici per il test delle professioni sanitarie: contengono tutto ciò che vi serve per prepararvi al massimo. Se voleste una mano in più, ci sono corsi specifici per il test delle professioni sanitarie che trattano tutti gli argomenti con approfondimenti puntuali e assistenza mirata. Oppure, per chi vuole prepararsi in autonomia, può essere utile farsi guidare da una piattaforma di e-learning per il test delle professioni sanitarie.

Fonte immagine: pixabay.com/it

Condividi su: