Condividi su:

come-diventare-tecnico-radiologia

Tra le professioni sanitarie è una delle più richieste: nel 2019 ci sono stati 3.710 candidati per 734 posti disponibili, mentre nel 2018 ci sono stati 3.408 candidati per 726 posti. Ma come si fa a diventare tecnico sanitario di radiologia medica ed esercitare quindi tale professione?

Tecnico di Radiologia: il corso di laurea

Il percorso per diventare tecnico sanitario di radiologia medica comincia con la relativa laurea in Tecniche di radiologia medica, corso attivato presso diverse università italiane. Si tratta di un corso di laurea della durata di tre anni, alla fine del quale è prevista la discussione di una tesi. La laurea è abilitante all’esercizio della professione.

Si tratta anche di un corso di laurea a numero chiuso, quindi per potersi iscrivere c’è una prova da superare in settembre in tutte le università statali. Le materie da studiare per il test delle Professioni sanitarie sono cultura generale, ragionamento logico, biologia, chimica, fisica e matematica.

A questa prova ci si può preparare studiando su libri specifici per il test delle Professioni sanitarie. Oppure si potrebbe migliorare e mettere alla prova il proprio livello di preparazione ricorrendo a una piattaforma di training online personalizzato per il test delle professioni sanitarie. Oppure, un corso di preparazione al test di Professioni sanitarie, su tutte le materie della prova.

Il tirocinio post-lauream in Tecnico di Radiologia

Durante il corso di laurea si svolgerà anche il tirocinio formativo del futuro tecnico di radiologia medica. In totale, le ore dedicate al tirocinio sono circa un terzo delle ore totali del corso di laurea. Al riguardo è sempre bene informarsi presso l’università che si è scelto di frequentare.

Tecnico di Radiologia: l’iscrizione all’albo

Il percorso per diventare tecnico di radiologia medica si conclude con l’iscrizione al relativo Albo che può avvenire solo dopo aver conseguito la laurea. A questo punto il tecnico di radiologia è pronto per esercitare la sua professione presso strutture pubbliche o private, in regime di dipendenza oppure come libero professionista.

Fonte immagine: commons.wikipedia.com

Condividi su: