Condividi su:

scienze-comunicazione-in-cosa-consiste

Da un po’ di tempo state pensando al corso di laurea in Scienze della comunicazione: è un settore che vi affascina anche se non solo conoscete ancora bene. In altre parole non avete le idee ben chiare e vi piacerebbe sapere in cosa consiste. Ecco quello che dovete sapere.

 

Cosa si studia  Scienze della Comunicazione

Le materie che si studiano a Scienze della comunicazione sono molto numerose. Le principali sono sociologia, antropologia, marketing, statistica, economia, storia, inglese e, ovviamente, comunicazione (politica, pubblica, aziendale, eccetera).

Ogni ateneo può adottare un proprio specifico piano di studi: prima di iscrivervi, consultate il sito ufficiale dell’università dove è attivo un corso di laurea un Scienze della comunicazione.

 

Che lavoro farete dopo la Laurea

Scienze della comunicazione non dà accesso a nessun albo professionale specifico (come nel caso di Giurisprudenza ed Economia, tanto per fare degli esempi). Però questo corso di laurea fornisce le basi per lavorare nel mondo della comunicazione, che a sua volta è molto vario: ufficio stampa, marketing e organizzazione eventi sono solo alcuni dei possibili sbocchi lavorativi.

 

Solo laurea o laurea + master?

Dopo la laurea, un master in Comunicazione presenta diversi vantaggi: permette al neo-laureato di entrare subito in contatto con il mondo di lavoro e di imparare dalle esperienze concrete dei più affermati professionisti del settore. Senza dimenticare un altro aspetto importante: quello del placement.

Se volete sapere quale master scegliere, abbiamo alcuni consigli che troverete molto utili.

 

Le università più qualificate

Il corso di laurea in Scienze della comunicazione è attivo presso tantissimi atenei italiani. Se desiderate avere delle indicazioni sugli atenei “migliori” per frequentare questo corso di laurea, l’ideale è affidarsi alla Classifica delle Migliori Università condotta annualmente da Censis Servizi. Nell’ambito dei corsi di laurea triennale socio-politici, tra cui appunto figura Scienze della Comunicazione, le Università che registrano i punteggi più alti per progressione di carriera e rapporti internazionali sono Trieste, Bologna e Pavia; subito dopo, trovate Macerata, Trento, Padova e Udine. Per il centro Sud le prime università sono Siena, Urbino, Roma Tre, Perugia, Chieti e Calabria. C’è forse tra queste l’università che vi interessa?

Non dimenticate, inoltre, che questo corso di laurea è attivo anche in università private. Secondo la Classifica delle Migliori Università ai primi posti ci sono l’Università Cattolica del Sacro Cuore, e l’Università IULM (da sempre specializzata in queste discipline).

Un test di accesso da superare

Ecco in cosa consiste Scienze della comunicazione: adesso dovreste avere le idee un po’ più chiare. Prima di iscrivervi c’è un’ultima cosa che dovete sapere: in molti atenei quello in Scienze della comunicazione è un corso di laurea a numero chiuso, quindi con un test di accesso da superare.

Le materie del test, di solito, sono cultura generale, attualità, mass media e comunicazione, marketing e pubblicità, conoscenze informatiche, conoscenza e comprensione della lingua italiana, inglese. E per prepararvi potete studiare su libri per il test di Scienze della comunicazione,  volumi focalizzati sulle materie che saranno oggetto della prova.

 

Fonte immagine: flickr.com/photos/jonny2love

Condividi su: