Condividi su:

 

veterinaria_trova_lavoro

Tutti quelli che stanno studiando Veterinaria o stanno pensando di farlo, si sono posti questa domanda: si trova lavoro dopo la Laurea? La risposta arriva dagli ultimi dati diffusi da Almalaurea, il consorzio universitario che raccoglie ed elabora informazioni e valutazioni dai laureati. Dati che i futuri veterinari troveranno di sicuro interessanti.

 

Un tasso di occupazione del 60%

Considerando anche coloro che sono in formazione retribuita, il tasso di occupazione di un laureato in Veterinaria è quasi del 60% (58,5%, per la precisione). A fronte del tasso di occupazione del 49% degli altri laureati magistrali a ciclo unico, è un risultato molto interessante. Mentre il tasso di disoccupazione è del 28% contro il 30% a livello nazionale.

 

Stabilità contrattuale: la strada della libera professione

Per quanto riguarda la stabilità contrattuale dei laureati in Veterinaria, si attesta su un significativo 59%, contro il 38% degli altri laureati. Bisogna però considerare che molti veterinari scelgono di svolgere la professione come liberi professionisti. Il 54% fa questa scelta: una percentuale molto alta, soprattutto se confrontata con il 26% dei dottori magistrali a ciclo unico. In altre parole, più della metà dei laureati in Veterinaria sceglie di aprire uno studio, mentre i contratti a tempo indeterminato riguardano appena il 5% dei veterinari.

 

 A cinque anni dalla laurea

Quali sono i tempi per trovare un lavoro? Quanto ci vuole prima di riuscire ad avere guadagni degni di questo nome? Con una laurea in Veterinaria si trova lavoro già a un anno dal titolo. Secondo i dati di Alma Laurea, infatti, un laureato in Veterinaria impiega di solito 3,6 mesi a trovare la sua prima occupazione. A 12 mesi dalla laurea, il 61% ha trovato un impiego, considerando anche la formazione retribuita; il tasso di occupazione continua poi a crescere fino al 90% dopo cinque anni (di questi, l’87% è stabile).

 

Guadagni: ci vuole un po’ di tempo

Il guadagno netto mensile di un veterinario cresce lentamente ma costantemente: a 1 anno dalla laurea è pari a 869 euro, che diventano 1.265 euro dopo 5 anni.  Nella valutazione di questo dato occorre comunque considerare i costi di apertura e gestione dello studio, che è la soluzione professionale adottata dal 77% dei veterinari.

 

Fonte immagine: Pixabay.com/it

Condividi su: