Condividi su:

test SSM cosa bisogna sapere

Le scuole di specializzazione medica sono corsi universitari post-lauream che hanno lo scopo di formare i medici specialisti in uno dei cinquanta indirizzi disponibili, dopo un percorso formativo che dura fra i 4 e i 5 anni. Alle Scuole si accede dopo la laurea in Medicina e Chirurgia superando un concorso pubblico che mette a bando ogni anno un numero di posti programmato a livello ministeriale. Il concorso consiste in una sola prova di ammissione, il cosiddetto test SSM: ecco qui cosa serve sapere per cominciare a studiare.

Il test SSM: struttura e contenuti

La prova di ammissione è unica per tutta Italia e si svolge in modalità computer-based. Prevede 140 quesiti a risposta multipla con 5 alternative. Le domande vertono su argomenti di medicina generale e specialistica, spesso inseriti nel contesto di casi clinici. Il tempo a disposizione per rispondere alle domande è di 210 minuti.

I criteri di valutazione

Il punteggio complessivo attribuito a ciascun candidato inserito in graduatoria è di massimo 147 punti: si calcola sommando il punteggio attribuito alla laurea in Medicina (massimo 7 punti) al punteggio della prova (massimo 140 punti).

Il punteggio del test

Il voto della prova di ammissione si calcola applicando questi criteri:

  • + 1 punto per ogni risposta esatta
  • – 0,25 punti per ogni risposta errata
  • 0 punti per ogni risposta non data.

La valutazione del titolo di studio

Il punteggio attribuito al titolo di studio è dato dalla somma del voto di laurea (110 e lode = 2 punti; 110 = 1.5 punti; da 108 a 109 = 1 punto; da 105 a 107 = 0.5 punti) con il punteggio assegnato al curriculum calcolato in base alla media ponderata dei voti ottenuti negli esami universitari.

Quando si svolge il test SSM

La prova così come la conosciamo è in vigore da pochi anni; dopo alcuni aggiustamenti, il periodo di svolgimento del concorso sembra possa essere settembre, almeno così è stato nel 2020. Per esserne certi, occorre comunque attendere la pubblicazione del Decreto ministeriale che ogni anno riporta i dettagli del test.

Concorso MMG: un’alternativa possibile

Oltre a scegliere il percorso di Specializzazione medica, un giovane laureato può anche decidere di diventare Medico di Medicina Generale. Anche in questo caso, occorre superare una prova di ingresso per la quale ci si può preparare come si fa con le Specializzazioni mediche. La prova unica del Concorso MMG prevede un test composto da 100 quesiti a risposta multipla sulla medicina clinica, a cui rispondere in un tempo massimo di 2 ore.

Il punteggio è calcolato attribuendo 1 punto per ogni risposta esatta e 0 punti per ogni risposta errata o non data. La prova viene superata dai candidati che hanno conseguito un punteggio di almeno 60 punti, che consente l’inserimento in graduatoria.

Come studiare per il test SSM e MMG?

Per uno studente di Medicina al quinto o sesto anno, la preparazione al concorso SSM cade in un momento già carico di impegni, con l’esame di laurea alle porte. Se vi trovate in questa condizione, potete trovare un aiuto molto prezioso in un corso online di preparazione per il test delle specializzazioni e MMG che vi consentirebbe di ottimizzare gli sforzi sotto la guida di un team di docenti brillanti ed esperti. Non perdere di vista nello stesso tempo lo studio per il test è una prima difficoltà che, se ben gestita, può darvi un grande vantaggio sugli altri candidati.

Condividi su: