Condividi su:

come funziona il test delle Professioni sanitarie

La data entro la quale effettuare l’iscrizione al test delle professioni sanitarie varia in base all’università dove avete scelto di sostenere la prova. Una volta iscritti, non resta che cominciare a studiare: prepararsi nel modo giusto alla prova richiede che si abbia ben chiaro come funziona il test delle professioni sanitarie.

NB. Per il momento, a parte la data della prova 2020 già divulgata, le informazioni qui contenute riguardano il 2019. Aggiorneremo l’articolo non appena il ministero pubblicherà il decreto relativo alle prove di ammissione 2020. Per essere informati sulle novità via via definite potete lasciare qui la vostra mail.

Tempo a disposizione

Il test delle professioni sanitarie inizierà alle 11:00 dell’8 settembre 2020.

A ogni candidato viene consegnato un plico contenente un foglio su cui riportare i dati personali, le domande, e un terzo foglio su cui riportare le risposte (al riguardo il consiglio è comunque di informarsi presso l’università dove si sosterrà la prova).

Il test è composto da 60 domande. Per rispondere a ognuna di esse il candidato ha a disposizione un tempo massimo di 100 minuti.

Consiglio: presentatevi in università con almeno due ore di anticipo in modo da poter svolgere tutta la procedura di autenticazione

Domande e materie

Le materie della prova sono cultura generale, ragionamento logico, biologia, chimica, fisica e matematica. Per ognuno dei sessanta quesiti sono date cinque possibili risposte: dovrete indicarne una sola, e una soltanto è la risposta giusta. Nel test i quesiti sono così suddivisi:

  • cultura generale: 12 domande;
  • ragionamento logico: 10 domande;
  • biologia: 18 domande;
  • chimica: 12 domande;
  • fisica e matematica: 8 domande.

Come saprete già, il 2019 ha portato una novità nella composizione della prova: le domande di cultura generale (storia contemporanea, mass media, Costituzione e temi dell’attualità) passano da 2 a 12 a scapito di quelle di ragionamento logico, che scendono da 20 a 10. Diventa importante quindi essere “sul pezzo” dal punto di vista dell’informazione e delle news che vi invitiamo a seguire quotidianamente, possibilmente variando le  fonti giornalistiche a cui attingere. Infine, una ripassata su questo manuale di cultura generale non potrà che farvi bene.

Punteggio

Il punteggio ottenuto dal candidato alla prova si calcola sommando il punteggio ottenuto per ogni singola domanda:

  • 1,5 punti per ogni risposta esatta;
  • 0 punti per ogni risposta non data;
  • meno 0,4 punti per ogni risposta sbagliata.

Preparazione

Questo è quanto bisogna sapere su come funziona il test delle professioni sanitarie. Per prepararvi alla prova, potete:

Fonte immagine: Pixabay.com/it

Condividi su: