Condividi su:

test medicina san raffaele

L’Università Vita e Salute San Raffaele ha pubblicato il bando di concorso per l’ammissione a Medicina in italiano e il bando per IMD Program, ovvero Medicina in inglese. E ha lasciato tutti a bocca aperta per le novità introdotte nella prova di ammissione in italiano. Non ne sapete niente? Allora siete nel posto giusto per raccogliere tutte le informazioni a riguardo.

Quando si svolgono i test

Rispetto agli anni scorsi la prima novità riguarda il periodo di svolgimento del test. Il test di Medicina in inglese, da sempre pre-maturità, è adesso accompagnato anche dalla prova in italiano. Entrambi i test si svolgono nella settimana compresa tra il 12 e il 17 marzo 2018. Non solo. I test sono in modalità computer-based. Quindi, una volta iscritti al test, ricevete una mail dell’ateneo che vi comunica luogo e orario in cui recarvi al test center per sostenere la prova di ammissione.

Composizione della prova

La più grande novità riguarda il test di Medicina in italiano e la struttura della prova di ammissione. Da quest’anno, infatti, l’ateneo ha deciso di rimuovere i quesiti scientifici. La prova è ora composta da 60 quesiti di logica e problem solving e comprensione del testo. Il 10% delle domande è formulato in lingua inglese.

L’ammissione a IMD Program, invece, si svolge tramite la somministrazione di un test composto da 100 domande, 60 di logica e problem solving e 40 di natura scientifica; il 10% delle domande è sempre formulato in inglese.

Prepararsi ai test

Se volete prepararvi al massimo ai test di Medicina del San Raffaele, quindi, ricordatevi di sfruttare tutti gli strumenti disponibili. Il simulatore dell’ateneo, per esempio, è tra questi. Lo potete provare accedendo alla pagina dedicata unisr.it/servizi/orientamento-in-ingresso/simulatore-test-ammissioni/. Ma non finisce qui! Potete anche utilizzare i libri specifici per i test del San Raffaele oppure frequentare i corsi di preparazione specifici per i test di Medicina del San Raffaele attivi a Milano.

Fonte immagine: wikipedia.com/it

Condividi su: