Condividi su:

studiare test medicina

Ok, per entrare a Medicina c’è un test di ammissione da superare. E, se siete qui a leggere, significa che avete deciso di provarci come gli altri 60.000 studenti che ogni anno sostengono questa prova. Studiare per il test di Medicina durante gli ultimi anni delle superiori o le sessioni universitarie può essere complicato. Ma, con un’idea chiara su questi sette argomenti, siamo certi che riuscirete a pianificare il vostro lavoro di preparazione al meglio.

Nota della redazione: le informazioni che trovate in questo articolo si riferiscono all’ultimo test di ammissione 2018. Le aggiorneremo prontamente, quando saranno disponibili quelle sul test 2019, ma possono comunque esservi utili per farvi un’idea dell’argomento.

1. Segnatevi le date sul calendario

Il test di Medicina-Odontoiatria è unico e si svolge lo stesso giorno in tutte le università statali. Ogni anno il MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) sceglie la data in cui svolgere la prova e la comunica tramite un avviso ufficiale sul proprio sito web. Nel 2018 il test si tiene il 4 settembre.

Il MIUR pubblica un importantissimo documento, il Decreto ministeriale sui corsi ad accesso programmato. Qui trovate l’indicazione precisa degli argomenti del test di Medicina e dello svolgimento del concorso. Ricordatevi di scaricarlo e di leggerlo con cura. Dentro questo documento trovate anche le date precise in cui è possibile iscriversi al test di Medicina, di solito durante il mese di luglio.

2. Scoprite come si svolge la prova

Il test di Medicina contiene 60 domande a risposta multipla alle quali rispondere in 100 minuti.

Ecco com’è costruito:

  • ragionamento logico: 20 quesiti;
  • cultura generale: 2 quesiti;
  • biologia: 18 quesiti;
  • chimica: 12 quesiti;
  • fisica e matematica: 8 quesiti.

Per ogni domanda vengono date cinque possibili risposte. Di queste, soltanto una è quella giusta. Per ogni domanda viene prevista una penalità di -0,4 in caso di errore e 1,5 punti in caso di risposta esatta. Se non indicate nulla, la domanda vale 0 punti.

Scaricate i test degli ultimi anni per farvi un’idea di come è composta la prova di ammissione e del suo livello di difficoltà. Svolgere diverse simulazioni d’esame per arrivare pronti al momento cruciale è certamente una buona pratica. Grazie a queste esercitazioni potete valutare il livello della vostra preparazione a capire per tempo a quali lacune porre rimedio.

3. Valutate bene come prepararvi

Ogni percorso di preparazione al test di Medicina è diverso. C’è chi proviene da scuole superiori che hanno fornito forti basi scientifiche, c’è chi ha deciso di cambiare completamente area di studio e parte da zero. Per questo l’ideale è capire qual è il vostro livello di preparazione iniziale. Una volta messo a fuoco questo aspetto, siete pronti per iniziare la preparazione al test di Medicina. Esistono tanti strumenti diversi che potete scegliere di usare, assieme o separati. Ecco quali sono.

Libri di preparazione al test di Medicina

Sono i volumi specifici che potete acquistare online o in libreria anche con il bonus 18app in cui trovate tutta la teoria sintetica, moltissimi esercizi e simulazioni di test sia cartacee che online per verificare la vostra preparazione.

Corsi di preparazione al test di Medicina

Iscrivervi a un corso specifico per la preparazione al test di Medicina è la soluzione perfetta se volete riprendere passo passo tutti i concetti essenziali e fare allenamento assistito. In questo modo potete subito chiarire tutti i dubbi con i docenti ed essere seguiti in modo mirato nel vostro percorso.

E-learning per la preparazione al test di Medicina

Online ci sono anche piattaforme digitali che vi possono seguire fino alla data del test verificando le vostre risposte e suggerendovi domande di difficoltà progressiva. Sono la soluzione ideale per chi vuole prepararsi in autonomia quando e dove vuole facendosi guidare dal sistema adattivo.

4. Ricordatevi i punteggi di ogni sede

La vostra preparazione (e, di conseguenza, il vostro risultato) sono strettamente correlati alla scelta delle sedi per cui decidete di concorrere. Il test di Medicina-Odontoiatria, infatti, prevede la graduatoria unica nazionale. Cosa significa? Che in fase di iscrizione potete indicare fino a 73 preferenze tra i vari atenei nazionali in cui sono attivi i corsi di Medicina e Odontoiatria in italiano. Ma attenzione, non tutte le università sono uguali. Ci sono infatti atenei in cui è più facile entrare e altri che invece esauriscono più velocemente i posti disponibili.

Le sedi che hanno esaurito più velocemente i posti con il test di Medicina durante l’ultimo concorso sono Milano Bicocca, Palermo, Pavia, Catania, Milano Statale e Salerno. Tra le sedi con i punteggi più alti ci sono poi Bologna, Padova, Verona, Modena e Brescia.

Per altre sedi, come Bari, Chieti, Napoli Vanvitelli, L’Aquila, Campobasso, Catanzaro, Sassari la concorrenza per entrare a Medicina è minore. Fatevi un’idea precisa di com’è andata l’anno scorso studiandovi l’analisi della graduatoria di Medicina-Odontoiatria.

5. SOS iscrizione test: tutto chiaro?

Come dicevamo al punto 1, durante il mese di luglio potete iscrivervi al test di Medicina. Una cosa molto importante da conoscere è la procedura che bisogna seguire per iscriversi.

Di solito avete una finestra temporale di due settimane in cui completare l’iscrizione alla prova, che è fatta di due passaggi essenziali:

  1. Iscrizione alla prova sul sito ministeriale Universitaly.it.
  2. Pagamento della quota di iscrizione al test nell’università che è la vostra prima scelta, oltre a essere quella in cui sosterrete il test. Per farlo, vi basterà scaricare il bando di concorso della vostra università e seguire le istruzioni incluse.

6. Diventate dei Graduatoria-Guru

Una volta sostenuta la prova, non resta che attendere il vostro punteggio e la pubblicazione della graduatoria. Sempre tramite il Decreto ministeriale potete segnarvi tutti i vari appuntamenti, dalla data in  data in cui viene pubblicato l’elenco anonimo dei punteggi a quando potete vedere nella vostra area riservata la copia digitale della vostra prova, con il vostro punteggio e la scheda anagrafica. Dopo un mese il MIUR pubblica la graduatoria nazionale di merito e nominativa. È molto importante capire come funziona la Graduatoria Nazionale per sapere come muovervi dopo l’uscita dei risultati: documentatevi sulle tempistiche previste e sui vari “stati” in cui potete risultare in graduatoria per non perdere il posto acquisito. Dopo la pubblicazione, infatti, iniziano a cadenza bisettimanale i famosi scorrimenti di graduatoria in cui sarete chiamati a svolgere azioni precise, se richiesto dal vostro status.

7. Preparate un piano B, sperando di non usarlo

In case of emergency qual è la soluzione alternativa che avete pensato se, purtroppo, il test di Medicina non andasse come sperato? Ci sono tanti corsi di laurea alternativi che potete considerare, così come potete usare l’articolo 6 per portarvi avanti in attesa di rifare il test il prossimo anno. Preparatevi un piano b da poter sfoderare, sperando che non sia necessario.

 

 

Condividi su: