Condividi su:

scorrimento-graduatoria-medicina-esempio

Con la graduatoria per il test di Medicina pubblicata e gli scorrimenti in corso, è fondamentale sapere come funziona lo scorrimento della graduatoria di Medicina. In base allo status in cui potete figurare in graduatoria, infatti, dovete sapere che ci sono diverse possibilità a vostra disposizione per fare la scelta per voi ideale. Non sempre queste opportunità sono sempre così chiare, soprattutto dopo la pubblicazione dei primi scorrimenti, dove gli status iniziano a cambiare per tanti candidati e si generano, come conseguenza, tante domande e dubbi. Un esempio chiarirà meglio di cosa stiamo parlando. I protagonisti saranno tre candidati immaginari: Alberto, Giulia e Francesco.

Candidato assegnato

Al momento dell’iscrizione al test, Alberto ha indicato sette preferenze e, nel suo caso, riguardano sia Medicina che Odontoiatria:

  1. Milano Statale – Medicina
  2. Milano Statale – Odontoiatria
  3. Verona – Medicina
  4. Torino – Medicina
  5. Genova – Medicina
  6. Vercelli – Medicina
  7. Pavia – Medicina

Alberto ha ottenuto un buon punteggio e si è collocato utilmente in graduatoria. Il Miur comincia ad assegnare i posti partendo dal primo in graduatoria e, scendendo, effettua le assegnazioni seguendo l’ordine di preferenza indicato da ciascun candidato, arrivando quindi anche alla posizione di Alberto.

Il MIUR parte dalla prima scelta ma nel nostro esempio a Milano Statale – Medicina non ci sono più posti, perché sono stati assegnati a candidati che hanno ottenuto un punteggio più alto del suo e TUTTI i candidati hanno confermato l’iscrizione. Stesso discorso anche per Milano Statale – Odontoiatria.

Invece a Verona c’è un posto libero e, per il punteggio ottenuto, spetta ad Alberto, che quindi risulta ASSEGNATO a Verona – Medicina. A questo punto Alberto è obbligato a immatricolarsi a Verona, pena l’esclusione dal concorso. Lo potrà fare entro 4 giorni lavorativi dal giorno di pubblicazione della graduatoria o dello scorrimento. A questo punto Alberto è una matricola di Verona, esce dalla graduatoria e non partecipa a nessuno scorrimento successivo.

Candidato prenotato

Passiamo ora a Giulia, che ha espresso queste preferenze:

  1. Roma Tor Vergata – Medicina
  2. Roma Tor Vergata – Odontoiatria
  3. Perugia – Medicina
  4. Siena – Medicina
  5. Pisa – Odontoiatria

Sostiene il test, consegue un buon punteggio e si colloca in graduatoria. Cominciano gli scorrimenti. I posti del corso di laurea in Medicina di Tor Vergata sono stati assegnati e tutti candidati hanno confermato l’iscrizione. Anche i posti del corso di laurea in Odontoiatria a Tor Vergata sono stati assegnati ma, in questo caso, NON TUTTI i candidati hanno confermato l’iscrizione. Il MIUR, quindi, sa che al momento non può offrire un posto a Giulia nella sua seconda scelta, ma sa anche che i posti a Roma Tor Vergata – Odontoiatria potrebbero non essere tutti coperti da immatricolazione, il che potrebbe permettere a Giulia di scorrere verso questa preferenza durante il prossimo o i prossimi scorrimenti di graduatoria.

Ecco infatti che Giulia risulterà PRENOTATA a Perugia – Medicina, la sua terza scelta. A questo punto può fare due cose:

  • iscriversi direttamente a Perugia
  • confermare il proprio “interesse a restare in graduatoria e procedere con gli scorrimenti”,  per vedere se si libera un posto a Roma Tor Vergata – Odontoiatria durante il prossimo scorrimento

Anche per Giulia i tempi da rispettare sono sempre di 4 giorni dal momento della pubblicazione della graduatoria (o dello scorrimento): il clic sul bottone “interesse a restare in graduatoria” può essere annullato e poi successivamente riselezionato tutte le volte che si vuole, fino alla chiusura della finestra dei 4 giorni. Fate però attenzione: cliccate responsabilmente. Non ritrovatevi a scorrimento chiuso con il clic sbagliato.

Candidato in attesa o fine posti

Francesco ha conseguito un punteggio inferiore rispetto ad Alberto e Giulia e si è collocato in graduatoria. Ha espresso queste preferenze:

  1. Molise – Medicina
  2. Napoli Federico II° – Medicina
  3. Cagliari – Medicina
  4. Sassari – Medicina

Con la pubblicazione della graduatoria, Francesco è “in attesa”. Cosa significa? Che in nessuna delle sedi da lui indicate è disponibile un posto al momento e che gli ultimi ammessi in almeno una di queste preferenze non distano molte posizioni in graduatoria da lui. Se alcuni di questi, in quanto assegnati o prenotati, decidessero di rinunciare e quindi di non immatricolarsi, potrebbero avvenire degli scorrimenti di graduatoria nella sua direzione, che potrebbero dunque permettergli di ottenere posto in una sede in un periodo di attesa relativamente breve.

La differenza tra questo status, “in attesa”, e lo status “fine posti” riguarda solo la vicinanza di posizioni che separa il candidato dall’ultimo ammesso nella sua ultima scelta. Facciamo un esempio: se Francesco è “in attesa” vuol dire che secondo il MIUR potrebbe avere più chances di subentrare con uno scorrimento. Se fosse “fine posti”, sarebbe ben più in giù come posizione in graduatoria e per il MIUR sarebbe troppo lontano per poter sperare in scorrimenti sul breve periodo in nessuna delle preferenze.

Per maggiori informazioni, vi consigliamo di rileggere la descrizione effettuata dal MIUR sul Decreto ministeriale, che contiene la descrizione dettagliata dei vari status e dei vari impegni collegati a ciascuno di essi.

Fonte immagine: universitaly.it

Condividi su: