Condividi su:

È una delle prove più temute dell’esame di maturità. Le domande infatti sono molto varie e vertono su tutte le materie studiate durante l’ultimo anno delle superiori. Ma niente paura: per affrontare la terza prova dell’esame di Stato ci sono delle indicazioni da seguire che vi permetteranno di prepararvi nel modo migliore. Quali? Vediamole assieme.

 

Tempi e domande

Prima di buttarvi a capofitto a studiare sui libri c’è una cosa da sapere. La terza prova, a differenza delle altre, non è ministeriale. Quindi le materie da studiare e il tempo a disposizione per rispondere alle domande non sono uguali per tutti e possono variare da istituto a istituto.

Sarà la Commissione esaminatrice a decidere tempi e modalità di somministrazione delle domande. Però la Commissione è anche tenuta a redigere un documento specifico con il quale comunica al Miur quale sarà l’impostazione della terza prova dell’esame di Stato: principalmente contenuti, metodi, mezzi, spazi, tempi, criteri, strumenti di valutazione adottati.

 

Tipologia di quesiti

La Commissione esaminatrice può decidere le tipologie delle domande: trattazione sintetica degli argomenti, domande a risposta multipla, domande a risposta singola, casi pratici e professionali, sviluppo di progetti, problemi scientifici a soluzione rapida.

Una nota a parte per le lingue straniere: se queste sono presenti tra le materie dell’ultimo anno, allora nella terza prova può essere richiesta una breve esposizione di uno o più argomenti, o una breve risposta in lingua straniera.

 

Prepararsi alla prova

Si tratta di una prova a carattere multidisciplinare, e questo probabilmente è l’aspetto che vi preoccupa di più. Considerate però tre aspetti:

  1. innanzitutto le materie della terza prova sono cinque e possono essere inserite solo quelle per le quali i professori della Commissione sono abilitati a insegnare: quindi conoscere la composizione della Commissione vi permetterà di fare una prima “scrematura” delle materie da studiare;
  2. in secondo luogo, è sufficiente conoscere i concetti fondamentali, in quanto il tempo a disposizione per rispondere è poco e le domande non richiedono in genere una estrema conoscenza dei dettagli;
  3. individuate le materie, dovreste esercitarvi per la prova.

 

Svolgimento

Ecco infine alcuni consigli da seguire anche durante lo svolgimento della terza prova dell’esame di Stato:

  • leggete attentamente le domande;
  • rispondete prima alle domande della cui risposta siete certi;
  • nelle domande a risposta aperta centrate subito l’argomento e organizzate le informazioni in base al numero di righe che volete utilizzare;
  • nelle domande a risposta multipla scartate le alternative palesemente errate e concentratevi sulle possibili risposte esatte;
  • dopo aver risposto alle domande verificate di non aver commesso errori.

 

Fonte immagine: flickr.com/photos/fotopavolfreso/25224735284/

Condividi su: