Condividi su:

come-prepararsi-test-medicina

In attesa dell’uscita del Decreto Ministeriale che regolerà il test di ammissione 2017, in questo articolo trovate alcune informazioni che possono comunque aiutarvi a farvi un’idea sull’argomento.

La data del test di ammissione a Medicina 2017 è fissata per il 5 settembre. Le materie della prova sono indicate all’interno del Decreto ministeriale: 60 domande divise tra ragionamento logico, cultura generale, biologia, chimica, matematica e fisica. Se il medico è la professione che avete scelto per il vostro futuro, potrebbero esservi utili questi consigli su come prepararsi al test di Medicina.

Tempo

Quando si parla di test di ammissione a Medicina il tempo è un elemento al tempo stesso critico e decisivo. Partiamo dal tempo da dedicare alla preparazione: impostate un programma di preparazione al test prima dell’estate. Il test di Medicina è una prova impegnativa che richiede dedizione e concentrazione. L’ideale è iniziare a prepararsi all’inizio della quinta superiore; ci sono anche studenti che, già motivati e convinti, iniziano a prepararsi al test durante la quarta superiore, in modo da scaricare l’impegno di studio durante l’ultimo anno delle superiori.

Quanto tempo dedicare ogni giorno allo studio? L’ideale è 2-3 ore al giorno, aumentando gradualmente il numero di ore dedicate alla preparazione del test, fino ad arrivare a 6-7 ore al massimo. Evitate di studiare la sera prima del test: il test sarà al mattino e la vostra testa deve essere abituata a lavorare in quel momento della giornata.

C’è poi un altro importante aspetto: la gestione del tempo durante il test di Medicina (a cui però dedicheremo un articolo a parte).

Testi

Per prepararsi al test di Medicina bisogna studiare materie: ragionamento logico, cultura generale, biologia, chimica, matematica e fisica. Per farlo, potete studiare su libri specifici per la preparazione al test di Medicina: essendo pensati e realizzati con l’obiettivo di fornire tutte le conoscenze per il test, sono più pratici dei testi universitari e/o dei libri scolastici utilizzati per le scuole superiori, che potete comunque abbinare o utilizzare per il ripasso di alcuni concetti o argomenti, soprattutto in ambito scientifico.

Ragionamento logico

Le domande di logica sono uno spauracchio per molti candidati, principalmente per via del fatto che, diversamente dalle materie scientifiche, questa non è una materia studiata a scuola. Negli ultimi anni il Cambridge Assessment ha introdotto nuove tipologie di domande che hanno reso il test più complesso e richiedono al candidato certamente più tempo per rispondere. Per questo, può risultare particolarmente utile studiare su libri sul ragionamento logico del test di Medicina che consentono di esercitarsi su tutta la gamma di esercizi previsti senza perdere tempo.

Cultura generale

Tra le materie oggetto della prova, anche i quesiti di cultura generale, pur ridotti di numero rispetto agli anni scorsi, risultano particolarmente indigesti agli studenti. Per due motivi: non esiste un programma di studio da preparare e le domande possono essere le più svariate: dalla storia della Comunità Europea alla Letteratura Italiana, dall’Attualità ai Premi Nobel. La preparazione di questa materia viene a volte trascurata in favore dello studio delle materie scientifiche, anche se dei i libri specifici su cui prepararsi per le domande di cultura generale ci sono. Su questa materia l’ideale è farsi almeno un’idea del panorama storico-culturale più recente: date, nomi, un po’ di letteratura e di geografia, qualche nozione di storia dell’arte, scegliendo di dedicare a questo scopo una parte piccola ma costante dei vostri sforzi. Prendere la buona abitudine di acquistare il quotidiano ogni mattina, per esempio, potrebbe essere un’idea.

Corsi specifici

Prepararsi bene è sicuramente importante. Una soluzione ulteriore rispetto ai libri è quella di ricorrere un corso di preparazione per il test di Medicina: corsi di questo tipo prevedono studio e ripasso mirato degli argomenti, esercitazioni svolte e commentate in aula, simulazioni d’esame.

 

 

Fonte immagine: commons.wikimedia.org

Condividi su: