Condividi su:

 

come-entrare-alla-bocconi

L’università commerciale Luigi Bocconi è una delle più prestigiose università private italiane. È quindi normale che ogni anno moltissimi studenti sognino di entrarci per raggiungere così i propri obiettivi lavorativi. Se siete tra loro, dopo aver letto questo articolo avrete più chiaro come entrare alla Bocconi. La prima cosa da sapere è che, per potersi immatricolare, bisogna aver superato un test di accesso.

In cosa consiste il test di ammissione alla Bocconi

Il test di accesso alla Bocconi è strutturato in 70 domande a cui bisogna rispondere in 110 minuti. I quesiti sono tutti a risposta multipla, così organizzati:

  • comprensione di brani (20 quesiti);
  • logica (20 quesiti);
  • matematica (20 quesiti);
  • ragionamento numerico (10 quesiti).

Come si arriva al voto finale? A ogni risposta esatta viene dato 1 punto, 0 punti in caso di mancata risposta, -0,2 punti per ogni risposta sbagliata.

Tre possibilità, a partire dalla quarta superiore

Gli studenti hanno a disposizione 3 possibilità per entrare alla Bocconi. In un anno, infatti, si svolgono diverse prove: l’Early Session, in giugno alla fine della quarta superiore, una in inverno (in febbraio) e l’altra in primavera (in aprile). In caso di insuccesso, si può rifare l’esame fino alla terza data disponibile.

La valutazione

Al momento della compilazione della domanda di ammissione, si devono fornire precise informazioni sul proprio curriculum di terza e quarta superiore. Occorre poi indicare se si ha una certificazione di lingua inglese. In assenza della certificazione, al termine del test, bisognerà sottoporsi a una verifica della conoscenza della lingua inglese.

La valutazione complessiva si basa quindi su tre elementi che hanno diverso peso:

  • risultato ottenuto nel test (55%),
  • curriculum scolastico (43%),
  • eventuali certificazioni linguistiche e/o informatiche (2%).

Un aiuto per studiare

Per prepararvi al meglio alla prova a test della Bocconi, abbiamo tre strumenti da suggerirvi. Potete:

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/edoardocroci

Condividi su: