Condividi su:

come-diventare-psichiatra

Questo professionista si occupa dello studio sperimentale, della cura, della prevenzione e della riabilitazione dei disturbi mentali. Il suo scopo fondamentale è quello di preservare la salute mentale del paziente, prendendo in considerazione diversi ambiti: medico-farmacologico, neurologico, psicologico. Come diventare psichiatra ed esercitare quindi tale professione?

Prima di proseguire bisogna fare alcune precisazioni. Lo psichiatra è un medico che si occupa della salute mentale della persona. E questa è la principale differenza tra psicologo e psichiatra, professioni che spesso vengono confuse tra loro benché, tanto lo psicologo quanto lo psichiatra possano esercitare la professione di psicoterapeuta.

Laurea in Medicina

Il percorso per diventare psichiatra comincia con la laurea in Medicina. Si tratta di una facoltà a numero chiuso. Gli argomenti del test di Medicina sono cultura generale, logica, chimica, biologia, fisica e matematica. Proprio perché si tratta di un test molto impegnativo, il consiglio è quello di studiare su libri specifici per il test di Medicina. E poi mettere alla prova il proprio grado di preparazione ricorrendo a una piattaforma e-learning per il test di Medicina.

Esame di stato e iscrizione all’Albo

Subito dopo la laurea bisogna sostenere l’esame di stato, abilitante all’esercizio della professione di medico. Ogni anno sono previste due sessioni d’esame: per maggiori informazioni si può consultare il sito ufficiale del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Miur.it. Superato l’esame di stato, il neo-medico potrà iscriversi all’Albo dei medici.

Specializzazione post-lauream

Il percorso per diventare psichiatra continua con la laurea specialistica in Psichiatria, della durata di cinque anni: una volta conseguita la laurea specialistica, il neo-medico potrà esercitare la professione di psichiatra.

Volete saperne di più?

I vari percorsi post-lauream che potete intraprendere dopo la laurea in Medicina sono descritti anche nella guida “Studiare Medicina. Dove, come, quando”.

Fonte immagine: freepik.com

Condividi su: