Condividi su:

chi è l'infermiere

Chi è l’infermiere? A questa domanda è possibile dare diverse risposte. Ma, per capire effettivamente in cosa consiste il lavoro di questo professionista (dal momento che si tratta della carriera che vi piacerebbe intraprendere), ci sono 4 cose importanti che dovete sapere.

1. Formazione dell’infermiere

Per diventare infermiere, il primo passo è conseguire la laurea triennale in Infermieristica. Si tratta di una laurea che rientra nell’ambito delle Professioni sanitarie. Infermieristica è un corso di laurea a numero chiuso nazionale, che prevede un test di ammissione la cui data viene definita annualmente dal Ministero dell’Istruzione. A differenza di altri corsi, che prevedono la graduatoria nazionale, però, nel caso di Infermieristica e di tutti i corsi delle Professioni sanitarie, la graduatoria è locale: dovete quindi decidere in quale ateneo sostenere il test per poi concorrere per i posti disponibili nell’ateneo medesimo.

Per prepararvi alla prova nel modo migliore? Potete:

2. Il tirocinio

È la “seconda tappa” del percorso per diventare infermieri. Durante il tirocinio, l’infermiere fa esperienza sul campo, acquisendo quelle conoscenze pratiche che, in seguito, saranno fondamentali per lo svolgimento della professione. Questa attività prende il via durante gli anni universitari, tipicamente durante l’ultimo se non prima, in base a quanto viene stabilito dal singolo ateneo.

3. Responsabilità

Il ruolo e le responsabilità dell’infermiere sono stabiliti dal D.M. 739 del 14 settembre 1994. Tra le diverse attività che sono di sua competenza, l’infermiere deve:

  • identificare i bisogni di assistenza infermieristica del singolo e della comunità
  • formulare gli obiettivi per rispondere a tali bisogni
  • pianificare, gestire e valutare la necessità e l’appropriatezza di un intervento assistenziale infermieristico

Questo solo a titolo esemplificativo: le responsabilità di un infermiere sono molto più ampie e articolate e le trovate elencate sul sito Ipasvi.it, sotto la voce “Deontologia”.

 

4. Dove può lavorare

Definire chi è l’infermiere significa, infine, indicare quali sono gli ambiti dove può esercitare la sua professione. Sempre a titolo di esempio, un infermiere può lavorare presso:

  • Asl
  • case di cura e di riposo
  • strutture socio-assistenziali
  • amministrazioni statali e/o altri enti pubblici
  • enti e istituzioni sanitarie convenzionate con le Asl

L’infermiere può esercitare la sua professione sia come dipendente che come libero professionista, presso strutture sanitarie pubbliche e/o private.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/codnewsroom

Condividi su: